Presentazione

sedeBrevi cenni su FINCO

FINCO è una Federazione che riunisce attualmente 38 Associazioni di Categoria, che rappresentano gran parte del mondo delle industrie dei prodotti, servizi, impianti ed opere specialistiche per le costruzioni e la manutenzione.

Di esse fanno parte circa 8.500 aziende per un totale di 120.000 addetti e 15 miliardi di fatturato complessivi.

E’ una Federazione agile che ha come interesse e scopo quello di tutelare e sviluppare i settori rappresentati delle singole Associazioni federate.

FINCO agisce laddove il raggiungimento di un obiettivo, può essere meglio perseguito rispetto all’azione delle singole Associazioni .

FINCO costituisce anche un momento di scambio/consultazione tra gli attori della filiera, di circolazione delle migliori pratiche e di condivisione di strategie tra i protagonisti dei settori merceologici rappresentati.

FINCO opera a favore delle proprie Associazioni, tra l’altro, attraverso:

1. Un’attività di Lobby sia a livello ministeriale che parlamentare:

Stimolando l’adozione di leggi e decreti a tutela e promozione dei settori.

Intervenendo anche con emendamenti nei provvedimenti normativi di carattere generale (ad esempio la Legge di stabilità ed i provvedimenti ad essa collegati).

Seguendo da vicino e stimolando il lavoro degli apparati pubblici in occasione dell’adozione di atti di particolare interesse.

2. La partecipazione a tavoli di lavoro in ambito ministeriale, laddove il peso delle singole Associazioni viene integrato e rafforzato dalla presenza della Federazione e/o laddove il peso della Federazione è direttamente proporzionale al numero dei soggetti rappresentati (“l’unione fa la forza” e corrobora la credibilità/imparzialità delle affermazioni fatte nelle sedi istituzionali).

3. La collaborazione con organizzazioni pubbliche e private che operano o sono coinvolte nel settore delle costruzioni (Ministero del Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero del Lavoro, Ministero dell’Interno, Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, Ministero dell’Ambiente, Ministero dell’Agricoltura, Anac, Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Servizio Tecnico Centrale Mit, Antitrust, Itaca, Itc-Cnr, Enea, Uni, Accredia, Gse, Consigli Nazionali Ingegneri, Architetti, Periti Industriali, ecc.)

4. L’organizzazione e gestione di Gruppi di Lavoro interni su varie tematiche quali: “Energia, Ambiente e Sostenibilità”, “Normativa e Certificazione”, “Appalti”, “Sicurezza”, “Antincendio” per porre in chiaro problemi di particolare interesse per le diverse Associazioni e creare un sistema di informazione, sia interno che esterno, in grado di dare visibilità e credibilità alla Federazione ed alle sue proposte.

5. La Costituzione di Filiere – aperte anche a contributi esterni – per meglio approfondire tematiche di interesse verticale dei settori rappresentati e sviluppare specifiche linee di azione: Filiera Mobilità e Sicurezza Stradale, Filiera Macchine ed Attrezzature da Cantiere, Filiera Sicurezza, Filiera Beni Culturali.

6. Lo stimolo e la partecipazione a Gruppi di lavoro esterni su tematiche di interesse, quali, ad esempio, i quattro gruppi a suo tempo organizzati con Anas sulla revisione dei capitolati di manutenzione e costruzione delle strade.

7. La promozione di iniziative che consentano al mercato dei prodotti da costruzione, delle opere specialistiche e dei servizi alle costruzioni di espandersi (come ad esempio, l’organizzazione di alcune iniziative sulla riabilitazione dei centri urbani, tra cui, il Convegno “Demolizione e Ricostruzione uno strumento necessario per recuperare le aree urbane degradate del Paese”; la redazione del Libro Bianco su “Energia, Ambiente, Edificio” con la collaborazione di ENEA e del MATTM; la realizzazione di convegni annuali sulla Sicurezza Stradale ecc; l’attività a favore del Piano Casa, dell’Ecoprestito, delle detrazioni fiscali sulla riqualificazione energetica e sismica degli edifici, ecc.).

8. Lo stimolo ed il coordinamento di Tavoli di confronto interassociativo in materia di qualificazione specialistica negli appalti e di efficienza e fonti rinnovabili nel settore energetico.

9. La diffusione di informazioni per accrescere la conoscenza del settore, la formazione degli operatori attraverso FincAcademy e la comprensione da parte di soggetti pubblici e privati delle specificità e delle problematiche dello stesso attraverso: sito web, newsletter periodiche, riviste specializzate, convegni specifici su Lavorazioni Specialistiche, Marcatura di conformità dei prodotti da costruzione, Risparmio Energetico, ecc.

10. La realizzazione di iniziative strategiche quali la stipula di Protocolli Federativi tra diversi soggetti operanti nel settore delle costruzioni o lo stimolo e la promozione di progetti di sostituzione urbana del tipo “Abbattere per Ricostruire” (lanciato da Finco già nel 2006).

11. La rappresentazione delle istanze dell’industria nazionale dei materiali da costruzione in ambito europeo all’interno di Construction Products Europem (CPE)

12. Il supporto alla singola Associazione per problematiche specifiche (che non siano in contrasto con gli interessi di altri settori rappresentati).

13. La fornitura alle Associazioni, di un servizio di consulenza legale, fiscale e di valutazione rischi in materia infortunistica da parte di avvocati esperti nel settore dei lavori pubblici, di commercialisti ed esperti di consulenza su premi Inail.

14. La messa a disposizione di esperti in materia di internazionalizzazione e finanziamenti europei per aiutare le imprese a sviluppare la propria attività sui mercati esteri o attraverso l’accesso ai fondi comunitari.

15. La stipula di convenzioni per l’acquisto di beni e servizi ad un prezzo di vantaggio (autonoleggio, buoni pasto, consulenza su premi Inail, sviluppo progetti europei, consulenza ICT, ecc.).

Statuto Finco approvato nella Giunta del 19.11.15

Modulo adesione IMPRESE 2017

Modulo di adesione per Associazioni 2017