Presidenza del Consiglio. Circolare recante “Attuazione delle norme sull’accesso civico generalizzato”

E’stata pubblicata sulla G.U. del 13 luglio scorso la circolare 2/2017 del Dipartimento Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio recante “attuazione delle norme sull’accesso civico generalizzato” a seguito dell’assunzione, anche nell’ordinamento italiano, con Decreto Legislativo del maggio 2016 (n.97), del Foia – Freedom of Information Act.

Tale circolare, ad integrazione delle linee guida Anac, dettaglia ed indica i comportamenti da tenere perché tale diritto all’informazione (diritto di accesso generalizzato che si distingue da quello civico “semplice” anche per il fatto di riguardare anche aspetti di non obbligatoria pubblicità da parte della P.A.) possa essere realmente – ed ordinatamente – esercitato da parte dei cittadini e costituisca  un diritto soggettivo che non ammette limitazioni se non quelle tassativamente indicate e, dal punto di vista oggettivo, sia omnicomprensivo.

Si tratta di una lettura  che raccomandiamo (vedi testo sottolineato pubblicato sul sito Finco www.fincoweb.org – sezione Primo Piano) di effettuare puntualmente per due principali ordini di motivi:

  • è materia complessa – e non potrebbe essere altrimenti data la molteplicità degli aspetti da prendere in considerazione (la modalità di presentazione dell’istanza, i tempi di reazione dell’Amministrazione, l’esistenza di eventuali controinteressati, i limiti  temporali, ordinatori e perentori, le conseguenze anche sulla carriera dei Funzionari pubblici che non vi si adeguino, la ragionevolezza e la frequenza delle richieste degli istanti e l’oggettivo carico per gli uffici che tali pur legittime richieste comporta e vieppiù comporterà;
  • e’ veramente una pietra miliare nel passaggio da “suddito” a cittadino nei rapporti con la P.A. pensata, per una volta, dalla parte degli utenti.

Congratulazioni!