REQUISITI SEMPLIFICATI PER GARE SOTTO I 150.000 EURO

Con la sentenza n.859 del 17 settembre 2018, il Tar della Lombardia ha riconosciuto alle categorie specialistiche, e quindi non solo a quelle superspecialistiche, la possibilità di poter usufruire della disciplina semplificata, che permette, di dimostrare l’idoneità  ad effettuare lavori al di sotto della soglia di 150 mila euro senza necessariamente ricorrere al subappalto.

In mancanza dell’attestazione SOA, che comprova in generale la capacità dell’impresa di eseguire opere pubbliche  per un importo superiore a 150 mila euro, i lavori pubblici possono essere effettuati (se non subappaltati)  solo nel caso in cui sussistano i requisiti semplificati di capacità tecnica, espressamente descritti nell’art.90 comma 1 del DPR 207/2010 (lavori analoghi, costo del personale, attrezzature adeguate).  Questa previsione non è però chiaramente definita dal Codice ed il Regolamento 207/2010, per la parte ancora vigente, sembra riferire questa possibilità alle sole lavorazioni superspecialistiche, mentre il DL 47/2014 apre ad una applicazione anche alle lavorazioni specialistiche complessivamente considerate.

Sulla base di quanto affermato dalla sezione prima di Brescia del TAR Lombardia, le categorie specializzate possono beneficiare di questa disciplina di favore  ancor più quelle superspecializzate che, per loro natura,  necessitano di un maggiore controllo a causa della loro evidente complessità a livello tecnico.

Sempre secondo il TAR, è vero che per le categorie specialistiche l’attestazione SOA può essere sostituita dal subappalto delle lavorazioni, ma da ciò non si deve dedurre che i requisiti semplificati di capacità tecnica rappresentino per le categorie superspecializzate la funzione che il subappalto ha per quelle specializzate, ne che vi sia alcun interesse pubblico a favorire, al di sotto della soglia dei 150.000 euro, le aziende che lavorano nelle categorie superspecialistiche  rispetto a quelle che lavorano in quelle specialistiche.

In conclusione, nel caso di specie la richiesta di sostituire l’attestazione SOA non con il subappalto delle lavorazioni specialistiche ma con i requisiti semplificati è stata ritenuta applicabile.