Finco: Pubblicità degli appalti sui quotidiani? No grazie.

Pubblicità degli appalti sui quotidiani? No grazie.

La spesa periodica di 40 milioni di euro che le imprese sono tenute a rimborsare alle Pubbliche Amministrazioni, le quali hanno l’obbligo di pubblicare gli avvisi di gara sui giornali, va ad aggravare notevolmente i costi già elevati sostenuti in sede di gara.

In merito a questa problematica si è pronunciato il sottosegretario Crimi, il quale ha, tra l’altro, sottolineato come il costo di queste pubblicazioni sia direttamente proporzionale alla lunghezza del testo all’interno del quotidiano di riferimento. Una strategia adottata finora dalle Amministrazioni è stata quella di ridurre il contenuto dei testi in box piccolissimi così da minimizzare la spesa, ma ciò non è stata considerata come una soluzione efficace, anche ai fini della comprensione da parte degli interessati.

Le perplessità di Crimi risultano essere in linea con il pensiero della nostra Federazione: a fronte di una spesa non irrisoria questo sistema sembra essere stato superato, a seguito della consultazione dei bandi ad esempio sui siti della Gazzetta Ufficiale italiana ed europea.

Pertanto il sottosegretario Crimi, insieme al Ministero delle Infrastrutture, propone di eliminare l’obbligo di pubblicità sui quotidiani al fine di evitare un aggravamento dei costi delle imprese. Il progetto implica, tra l’altro, il taglio dei finanziamenti indiretti ai giornali, la semplificazione per la Pubblica Amministrazione e il risparmio per professionisti e imprese.